mercoledì 18 aprile 2018

FARFALLE CON RUCOLA E DATTERINI (insalata di pasta / pasta fredda)

E' un piatto appetitoso ideale per un pranzo o una cena estivi. Una ricetta veloce da fare che contiene ingredienti di stagione e ha il vantaggio di poter essere preparata con anticipo....


Ingredienti (per 4 persone):
320 gr di farfalle, 2 mozzarelle, pomodorini ciliegino q.b. (400 gr circa), un mazzetto di rucola, pecorino romano q.b., olio extravergine d'oliva, sale.

Procedimento: 
Mettere in una ciotola i pomodorini tagliati in 4 parti e unire la rucola spezzettata grossolanamente, le mozzarelle tagliate a cubetti, il pecorino grattugiato. Condire con olio, sale e lasciar insaporire.
Nel frattempo mettere a cuocere la pasta. Una volta cotta scolarla al dente, unire un cucchiaio di olio, mescolare delicatamente e lasciarla raffreddare.
Versare la pasta nella ciotola con i pomodorini, mescolare bene il tutto, coprire la ciotola e mettere in frigo a raffreddare per almeno un'ora.
 

martedì 10 aprile 2018

POLLO ALLO SPIEDO

Pollo e patatine.... Quante volte vi è capitato di entrare in un supermercato e di sentire un gradevole profumo di pollo allo spiedo? Io di tanto in tanto lo acquisto, diciamo che lo considero la soluzione dell'ultimo minuto per il pranzo. Lo apprezzo quando è appena sfornato, ben cotto e con la pelle croccante. Non sempre però quello del supermercato e, soprattutto, di tutti i supermercati si rivela un buon acquisto: a volte è scotto, magari nemmeno di giornata.... Io mi sono attrezzata e lo preparo in casa usando un fornetto ventilato....


Ingredienti (per 4 persone):
1 pollo di circa 1 kg (io lo preparo per 3 persone e generalmente acquisto dei "polletti" di 650 gr circa), 1 cucchiaio di sale grosso, 2-3 rametti di rosmarino, 2-3 foglie di salvia, 1 spicchio di aglio (se vi piace. Io non lo uso... ), olio EVO.

Procedimento: 
Sbucciare l'aglio e tenerlo da parte. Tritare il sale con gli aromi (oltre a quelli indicati potete utilizzare quelli che preferite: peperoncino, pimento, curry....). Speziare il polletto all'interno e all'esterno. Spennellarlo, internamente ed esternamente, con l'olio. Inserire all'interno lo spicchio d'aglio.
Legare il polletto, con dello spago da cucina, in modo da fissare le ali e le cosce. Infilare il polletto nello spiedo e fissarlo con i due morsetti in dotazione. Sistemare la teglia da forno nel forno (io generalmente la ricopro con carta alluminio, come si vede in foto) e preriscaldare il forno a 210°. Inserire il polletto nel forno agganciando lo spiedo, come indicato nelle istruzioni del vostro forno, e avviare il forno in modalità "spiedo/ventilato". Di tanto in tanto, per farlo diventare bello croccante, ungere il pollo con un po' d'olio, utilizzando un pennello o un cucchiaio.


Il tempo di cottura per un polletto di circa 1 kg è di circa 80 minuti, varia comunque a seconda delle dimensioni del pollo.
Una volta cotto, levare lo spiedo dal forno, sfilare i morsetti e il pollo. Servire caldo con patate fritte o al forno.

venerdì 16 marzo 2018

GNOCCHI ALLA ROMANA

Questa è una ricetta che mi fa tornare indietro nel tempo.... mi ricorda la nonna, anzi le nonne. Era un piatto graditissimo a nonna Maddalena la nonna-bis e nonna Irma lo preparava spesso la domenica sera. Ricordo le teglie con gli gnocchi ben allineati, coppati perfettamente con un bicchiere, che infornava nel forno a legna. Beh, lo devo ammettere..... non è mai riuscita a farmene assaggiare nemmeno uno! Mi sono sempre rifiutata di mangiare quella "polentina" preparata con il latte, ma mi sbagliavo e adesso non posso paragonare i miei a quelli di nonna (che mi direbbe "etu vist che i era boni?" - "hai visto che erano buoni?")......


Ingredienti (per 40 gnocchi circa):
per gli gnocchi: 250 gr di semolino, 800 gr di latte, 300 gr di acqua, 100 gr di parmigiano grattugiato, 1 uovo, noce moscata, sale.
per gratinare: burro q.b., parmigiano grattugiato q.b.

Procedimento:
Portare ad ebollizione in una casseruola il latte e l'acqua insieme al sale e alla noce moscata. Versare a pioggia il semolino mescolando continuamente con una frusta per evitare grumi, lasciando sul fuoco per qualche minuto finché si sarà addensato. Fuori dal fuoco unire l'uovo e il parmigiano, mescolando per amalgamare. Versare l'impasto ancora caldo su un foglio di carta forno e, aiutandovi con le mani e con la carta, dategli una forma cilindrica. Avvolgere ora il cilindro con la carta e porlo in frigorifero a raffreddare. Una volta freddo e compatto tagliare con un coltello ottenendo dei dischi di circa 1 cm. di spessore (in alternativa potete versare l'impasto su carta forno, stenderlo con l'aiuto di un mattarello ad uno spessore di 1 cm e coppare gli gnocchi con un bicchiere o uno stampo per biscotti). Disporre gli gnocchi in una pirofila ben imburrata, sovrapponendoli leggermente, cospargerli con parmigiano e fiocchetti di burro. Infornare per 20 minuti, o comunque fino a quando saranno dorati, in forno preriscaldato a 200°.
Servire caldi.

martedì 13 febbraio 2018

PAN D'ARANCIO

Il pan d'arancio è un dolce tipico siciliano caratteristico per l'intenso sapore agrumato. La preparazione di questo dolce è veloce infatti consiste semplicemente nel frullare l'arancia, anche la buccia, insieme agli altri ingredienti. Cercando su "google" ho trovato un'infinità di ricette: con e senza gocce di cioccolato, con e senza glassa, con.... la sola cosa in comune è che il burro non si utilizza nell'impasto ma solo per imburrare la teglia. La ricetta che ho provato e che ho fatto e rifatto è quella proposta nel blog "Fables de Sucre", alla fine ovviamente ci ho messo del mio (chi mi conosce sicuramente già se l'aspettava....) levando un po' di zucchero e un uovo ottenendo comunque un buon risultato anzi, a mio parere, è risultata più morbida mantenendo però le sue caratteristiche....


Ingredienti (dose per una tortiera da 24 cm):
1 arancia intera non trattata (180 gr circa), 100 gr olio di semi, 100 gr di latte, 2 uova intere (la ricetta originale ne prevedeva 3), 200 gr di zucchero semolato (la ricetta originale prevedeva 250 gr), 250 gr di farina 00, 50 gr di farina di mandorle (in alternativa potete tritare finemente 50 gr di mandorle oppure di nocciole), 1 busta di lievito, sale.

Procedimento:
Accendere il forno in modalità statica a 180°.
Lavare accuratamente l'arancia, tagliarla a fette, porla nel mixer aggiungendo olio e latte. Frullare per circa un minuto. Aggiungere ora gli altri ingredienti: farina, lievito, farina di mandorle, zucchero, uova e sale. Azionare il mixer per 2 minuti, fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Versare il composto nella tortiera che avrete precedentemente imburrato e infarinato, infornare a 180° per 45 minuti. Prima di sfornare fare la prova stecchino, se esce asciutto è cotta altrimenti prolungare la cottura.
Sfornare e lasciar intiepidire nello stampo prima di sformare. Una volta freddo spolverizzare con zucchero a velo.

martedì 9 gennaio 2018

BACCALA' MANTECATO

E' una tipica ricetta veneziana preparata utilizzando lo stoccafisso, ossia il merluzzo essiccato. Anche questa ricetta conosce parecchie varianti e cambia di famiglia in famiglia....


Ingredienti (per 4 persone):
1/2 kg di stoccafisso "ragno" secco,  cipolla (o aglio, se preferite), prezzemolo, 1/2 foglia di alloro, latte, olio extravergine d'oliva, sale.

Procedimento:


Mettere lo stoccafisso ad ammollare nell'acqua fredda per 3-4 giorni, cambiando l'acqua almeno una volta al giorno. Passato il tempo dell'ammollo aprire lo stoccafisso a libro, diliscarlo e levare la pelle. Mettere lo stoccafisso in una casseruola con abbondante acqua fredda, alla quale avrete unito 1/2 foglia di alloro, cipolla (o aglio se preferite. Io preferisco il gusto più delicato della cipolla) e poco prezzemolo. Far bollire per 20-25 minuti (15 minuti se utilizzate la pentola a pressione). Lasciarlo raffreddare nel suo liquido e quindi scolarlo. 
Mettere lo stoccafisso nel recipiente del robot da cucina, unire 1 bicchiere di olio extravergine d'oliva, 1 bicchiere di latte, sale e mantecare usando la lama in plastica (se utilizzate la lama in acciaio lo stoccafisso si trita ma non riesce a mantecare). Lavorarlo con il robot fino a renderlo cremoso aggiungendo, se necessario, olio o latte.
Servire freddo accompagnando con fettine di polenta o fette di pane tostato.



giovedì 4 gennaio 2018

BACCALA' ALLA VICENTINA

Il baccalà alla vicentina è una tipica ricetta veneta a base di merluzzo essicato: lo stoccafisso. Il pesce, una volta pescato, viene conservato essiccandolo all'aria e prima di essere utilizzato, nelle nostre ricette, deve essere battuto per ammorbidirlo e ammollato per giorni in acqua fredda. Le ricette sono molteplici, quella tradizionale della Venerabile confraternita del bacalà alla vicentina lo vorrebbe cotto lasciandolo "pipare", ossia cuocere a fuoco dolce, per circa 4 ore e mezzo in un tegame di cotto. La mia ricetta di famiglia lo vuole invece cotto in forno....


Ingredienti (per 4 persone):
1/2 kg di stoccafisso "ragno" secco, 1 cipolla, olio extravergine di oliva q.b., latte q.b., 3 acciughe sott'olio, poca farina, prezzemolo, 2 cucchiai di parmigiano, sale.

Procedimento:


Mettere lo stoccafisso ad ammollare in acqua fredda per 3-4 giorni, cambiando l'acqua almeno una volta al giorno. Passato il tempo dell'ammollo aprire lo stoccafisso a libro, diliscarlo e levare parte della pelle. Affettare finemente la cipolla e rosolarla con un po' d'olio in una teglia da forno. Tagliare a pezzi lo stoccafisso, infarinarlo e disporlo nella teglia con la cipolla. Unire le acciughe tritate, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo e aggiustare di sale. Coprire il pesce con il latte e, ancora, un filo d'olio. Scaldare il forno a 200°, infornare e cuocere per circa un'ora, girando i pezzi a metà cottura.
Servire ben caldo accompagnandolo con una polentina morbida.