giovedì 4 giugno 2020

TORTA DI MELE CREMOSA

Le torte di mele mi riportano indietro con gli anni perchè mi ricordano le domeniche passate dalla nonna. Lei preparava, tra le altre, una buonissima torta di mele che io non sono mai riuscita a replicare: soffice, alta e saporita. Tra le tante ricette provate però una, per niente simile a quella di nonna, mi è piaciuta, l'ho fatta e rifatta e la condivido con voi.
P.S.: non ricordo dove ho trovato la ricetta e le dosi, come sempre, non sono quelle originali.


Ingredienti (per una tortiera da 26 cm.):
3 mele sbucciate e tagliate a cubetti grossolanamente, 60 gr di burro,  100 gr di zucchero, 150 gr di farina, 2 uova, 1 cucchiaino di lievito,  1 pizzico di sale,  250 gr di yogurt bianco. 

Procedimento:
Montare le uova con lo zucchero fino a renderle spumose; aggiungere il burro a temperatura ambiente, la farina, il lievito e lo yogurt.


Amalgamare gli ingredienti


Preriscaldare il forno a 180°. Versare il composto nella tortiera che avrete precedentemente foderato con carta forno. Coprire con le mele, cospargere con poco zucchero e qualche ciuffetto di burro.


Infornare e cuocere per 40 minuti. Coprire con carta forno e proseguire la cottura per altri 30 minuti.

sabato 14 marzo 2020

PASTA E FAGIOLI CON RADICCHIO DI TREVISO

Mi succede di leggere qualche ricetta, di non avere in casa gli ingredienti necessari e di aggiungerli alla lista della spesa. Il problema è che non sempre copio o ritaglio le ricette e quando ho gli ingredienti, a volte, non ricordo a cosa servano. Tempo fa ho acquistato dei fagioli "lingue di fuoco" per?????? Alla fine li ho utilizzati per un ottima pasta e fagioli servita su un letto di radicchio di Treviso....

Ingredienti (per 4 persone):
200 gr di fagioli "lingue di fuoco" (50 gr a persona che dopo l'ammollo diventeranno circa 100 gr), 1 patata, 1 cipolla piccola, 2 cucchiai di salsa di pomodoro, 1,5 lt di brodo leggero (io utilizzo acqua e dado preparato in casa), 200 gr di ditaloni rigati, radicchio di Treviso tardivo q.b., 1 cucchiaio di aceto (facoltativo), olio extravergine di oliva q.b., sale.

Procedimento:
Mettere a bagno i fagioli per una notte. Soffriggere la cipolla con 3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva. Aggiungere la salsa di pomodoro, i fagioli, mescolare e lasciar insaporire. Unire la patata tagliata grossolanamente, il brodo e il sale. Lasciar cuocere a fiamma bassissima per circa 3 ore (io utilizzo la pentola a pressione e calcolo un'ora dal sibilo). Ridurre in crema metà dei fagioli e la patata, unire la pasta e portare a cottura. Tritare finemente il radicchio di Treviso e condire con olio, sale e poco aceto, sistemandolo poi nei piatti. Servire la zuppa calda su letto di radicchio.

mercoledì 19 febbraio 2020

PIEDINI DI MAIALE BOLLITI (o zampetti)

Un piatto povero ancora oggi molto diffuso, per tradizione, nel veneziano: i "penìn de porco". Si acquistano dal macellaio o nei supermercati già puliti e tagliati a metà. Vanno serviti con salse per bollito e verdure cotte. Non tutti però gradiscono questo piatto e a casa mia, ad esempio, sono la sola a consumarlo accompagnato con salsa cren...... 

Ingredienti per 4 persone:
2 piedini di maiale tagliati a metà, 1 cipolla, 1 carota, a gambo di sedano, aceto, sale.

Procedimento:
In una pentola capiente (potete usare anche la pentola a pressione) mettere i piedini con abbondante acqua fredda. Unire la cipolla, la carota, il sedano, 2-3 cucchiai di aceto. Salare e mettere sul fuoco. Quando si alza il bollore mettere la fiamma al minimo e lasciar sobbollire per 2 ore e mezza (se usate la pentola a pressione calcolate un'ora dal sibilo).
Eliminare il brodo e servire i piedini accompagnandoli con salse per bolliti. 




ROAST BEEF

Inseguivo da tempo la ricetta per ottenere un buon roast beef cotto al punto giusto, ossia rosato ma non crudo. Per anni mi ha aiutata il mio forno, che purtroppo mi ha lasciata: bastava scegliere il programma in base all'altezza e al peso del pezzo di carne per ottenere un risultato perfetto. Ho sperimentato vari metodi di cottura (microonde, pentola a pressione, slow cooker...) senza però ottenere risultati soddisfacenti, fino a quando ho deciso di provare il metodo "Bressanini". Ho infatti utilizzato i consigli letti nel suo libro "La Scienza della Carne" e, in foto, potete vedere i risultati....


Ingredienti:
1 lombata di 800 gr (è il taglio più adatto per il roast beed ma è anche il più costoso. Volendo si può sostituire con fesa, scamone o noce), olio extravergine di oliva q.b., vino bianco, sale. 

Procedimento:
Lasciare la carne a temperatura ambiente per un paio di ore.
Massaggiare la carne con olio e sale (io non uso spezie e aromi, volendo però le potete aggiungere in questo passaggio). Mettere il pezzo di carne in teglia su una griglia, inserire la sonda del termometro in modo che raggiunga il cuore della carne


e infornare in forno preriscaldato a 230° per 15 minuti. Impostare il forno a 120° e aprirlo per far abbassare velocemente la temperatura. Richiudere il forno e continuare la cottura fino a raggiungere i 55° al cuore (circa un'ora per 800 gr di carne).


Levare la carne dal forno, coprirla con alluminio per alimenti e lasciar riposare per 15 minuti.
Deglassare il fondo di cottura con del vino bianco e servirlo a parte. Affettare la carne e servire.

Il roast beef può essere servito caldo oppure freddo, ottimo anche consumato il giorno successivo. 




martedì 28 gennaio 2020

ZUPPA DI PESCE IN PENTOLA A PRESSIONE

Ieri avevo deciso di preparare la mia solita zuppa di pesce ma, per vari motivi, mi sono trova quasi all'ora di cena e non avevo ancora messo la pentola sul fuoco. Ho quindi deciso di provare la solita ricetta adattandola però alla pentola a pressione. Questo è il risultato....


Ingredienti (per 4 persone):
1,5 kg di pesce da zuppa (merluzzo, gallinella, scorfano, calamari, canocchie, gamberoni, cozze e calamari), 1 cipolla piccola, salsa di pomodoro (a piacere), 1 bicchiere di vino bianco, 1 cucchiaio di aceto bianco, peperoncino, prezzemolo, olio extravergine di oliva, 1,5 lt di brodo di pesce, sale.

Procedimento:
Spurgare le vongole, pulire le cozze e aprirle in un tegame con dell'olio. Squamare il pesce, eviscerarlo, levare le teste e dividerlo in tranci abbastanza grandi. Pulire i gamberi eliminando testa e intestino. Pulire le canocchie incidendole poi sulla schiena. Pulire e tagliare i calamari.
Preparare il brodo per la zuppa mettendo in una pentola 2 litri di acqua, 1/2 cipolla e prezzemolo. Unire le teste, le lische, le teste dei gamberi, vino bianco, sale grosso q.b.. Far bollire per 20 minuti e filtrare. (In questa zuppa ho utilizzato del brodo, che avevo in congelatore, in cui avevo bollito dei branzini. Avevo preparato un court-bouillon: 3 lt di acqua, cipolla, carota, sedano, vino bianco e sale. Portato a ebollizione e lasciato sobbollire per circa 20 minuti, cotto il pesce, filtrato e congelato).

In pentola a pressione rosolare la cipolla con l'olio e il peperoncino. Aggiungere i calamari e far insaporire per 5 minuti. Bagnare con il vino bianco e sfumare. Aggiungere la salsa di pomodoro, l'aceto, regolare di sale, chiudere la pentola e calcolare 5 minuti dal sibilo. Sfiatare. Aggiungere ora tutto il pesce in tranci, chiudere la pentola e calcolare 10 minuti. Sfiatare. Spezzettare grossolanamente i tranci di pesce con una forchetta (si otterrà una zuppa meno brodosa). Unire il brodo al pesce, chiudere la pentola e calcolare 5 minuti. Sfiatare. Calare le canocchie e i gamberi, chiudere la pentola, calcolare 5 minuti e sfiatare. Unire infine le vongole e le cozze lasciando cuocere ancora 2 minuti.

Servire la zuppa calda con fette di pane tostato.

martedì 12 novembre 2019

ROMBO AL FORNO CON PATATE E POMODORINI

Quello di oggi è un secondo piatto semplice e dal sapore delicato che richiede pochissimi ingredienti per essere realizzato....


Ingredienti per 4 persone:
1 rombo oppure 2 se piccoli (circa 1,5 kg. Considerate che lo scarto è elevato), patate q.b., pomodorini q.b., prezzemolo, olio extravergine di oliva, sale.

Procedimento:
Lavare le patate, sbucciarle e tagliarle a fette sottili. Coprite con della carta forno una teglia abbastanza grande per contenere il rombo. Disporre le fettine di patate sulla teglia fino a coprirla. Tagliare i pomodorini a metà e unirli alle patate. Salare e irrorare con l'olio.
 

Sciacquare il rombo, che avrete precedentemente pulito, sotto l'acqua corrente e asciugarlo con carta cucina. Adagiarlo sulle patate




Coprire il rombo con della fettine di patata e dei pomodorini. Unire prezzemolo, sale e olio.

Infornare in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti