giovedì 4 febbraio 2016

CASTAGNOLE AL FORNO

Le castagnole sono un tipico dolce di carnevale, conosciuto in tutta Italia. E' uno dei primi dolci che ho imparato a fare, più o meno a 10 anni, però ho sempre usato la ricetta classica, quella che prevede la frittura. Oggi ho voluto provare una variante cuocendole al forno. Ovviamente il gusto è diverso, però sono risultate leggere, morbide e graditissime......

 

Ingredienti: 
350 gr di farina 00, 2 cucchiaini di lievito per dolci, 80 gr di zucchero, zucchero a velo, 2 uova, 50 gr di burro, grappa, mezza bacca di vaniglia e sale.

Procedimento:
Mettere in una ciotola la farina setacciata con il lievito, lo zucchero, i semi della bacca di vaniglia, le uova, la grappa e il sale. Lavorare con una forchetta fino ad ottenere un impasto omogeneo. Unire il burro a temperatura ambiente e a tocchetti. Lavorare la pasta finchè diventa liscia e compatta. (Volendo per la lavorazione potete usare la planetaria). Formare un panetto, avvolgerlo in carta pellicola e far riposare 10 minuti in frigo.  

Dividere l'impasto in 5 pezzi, fare dei rotoli grossi un dito, tagliarli a pezzetti di 2 cm e modellare formando delle palline che disporrete su una teglia coperta con carta forno (o nel mio caso, con un foglio da forno antiaderente).

Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti.


Far raffreddare e, prima di servire, cospargere con abbondante zucchero a velo.





martedì 12 gennaio 2016

STRUDEL SALATO CON RADICCHIO DI TREVISO

Oggi vi propongo uno "Strudel salato con radicchio di Treviso". La lavorazione è veloce, a parte il riposo in frigo della pasta, e per il ripieno si possono utilizzare i formaggi che avete in casa. Può essere presentato come antipasto, piatto unico, stuzzichino.....



Ingredienti:
per la pasta: 250 gr di farina 00, 50 gr di burro, sale e acqua q.b.

per il ripieno: 4 cespi di radicchio di Treviso tardivo, 100 gr di prosciutto cotto a fette, gorgonzola, caciotta (o altro formaggio simile), olio EVO, sale.

Procedimento:
Pulire il radicchio, tagliarlo e farlo saltare per qualche minuto in padella con olio EVO e sale. Far intiepidire.

Impastare la farina con il burro, il sale e l'acqua, si dovrà ottenere una pasta morbida ma lavorabile. Avvolgere la pasta ottenuta in carta pellicola e mettete in frigo per 30 minuti. Mettere la pasta su un telo infarinato e stenderla sottilissima con il mattarello, ottenendo un rettangolo. Distribuire sulla pasta il radicchio, il prosciutto e il formaggio a cubetti. Utilizzando il telo avvolgere la pasta, chiudendo bene i bordi.

Far scivolare lo strudel su una placca da forno coperta con carta forno (se volete potete pennellarlo con un po' di burro o con l'uovo) e infornare per per un'ora in forno preriscaldato a 180°.

domenica 10 gennaio 2016

LA FINTA SFOGLIA

Quella della finta sfoglia è una ricetta che gira da un bel po' sul web e molte di noi l'hanno scoperta frequentando il forum di "La cucina italiana". La ricetta originale prevedeva la ricotta, la farina e il burro in quantità uguali. Nel tempo è stata modificata, prima riducendo la quantità di burro e infine sostituendo la ricotta con il formaggio spalmabile (tra tutte, quella che mi è sembrata più bilanciata e che ho provato è quella di Adriano). Il risultato che si ottiene è una sfoglia simile alla classica "pasta sfoglia", ma con un sapore più delicato, adatta per la pasticceria salata. Può essere utilizzata immediatamente dopo la lavorazione oppure anche conservata in congelatore in fogli o già formata. Può essere farcita o semplicemente speziata e per le forme basta un po' di fantasia: pizzette, ventagli, cannoncini, sfogliatine...


Ingredienti:
200 gr di farina 00, 200 gr di Philadelphia (o comunque un formaggio spalmabile simile), 125 gr di burro, un pizzico di sale.
  
Procedimento: 
Mescolare, in una ciotola, la farina con il sale. Unire il burro a pezzetti, il formaggio spalmabile e lavorare con una forchetta fino ad ottenere un composto "sbricioloso". Trasferire il composto su un foglio di carta pellicola e, aiutandoci con la pellicola stessa, cercare di compattarlo formando un rettangolo che metteremo in frigo per 12 ore.
Riprendere l'impasto e metterlo su una spianatoia infarinata. Stendere nel senso della lunghezza, dare un giro semplice di pieghe a tre, come si fa per la pasta sfoglia. Coprire con carta pellicola e mettere in frigo per mezz'ora. Riprendere l'impasto e ripetere le pieghe e il riposo per altre 2 volte. Inizialmente l'impasto apparirà granuloso ma alla terza piega si uniformerà (se non vi sembra ancora liscio potete dare anche la quarta piega).
Dividere l'impasto in 2 e stenderlo a circa 3 mm di spessore (dovreste ottenere 2 rettangoli di circa 22X28 cm). Tagliare dando la forma preferita, farcire o speziare a piacere.


Infornare a 200° per 15 minuti.






Le due sfogliatine in foto sono farcite con crema di radicchio di Treviso e crema di carciofi allo stracchino.


 

martedì 29 dicembre 2015

PIZZA CON NOCI, PERE E FONDUTA DI GORGONZOLA

Pizza, pizza, pizza..... la mangerei ogni giorno e mi piace tantissimo quella preparata in casa. Ho voluto provare una ricetta di Gabriele Bonci passata tempo fa in TV a "la Prova del Cuoco". Una pizza un po' particolare, un mix di sapori apparentemente "strani" per una pizza che alla fine si è rivelata gustosissima..... da rifare.


Ingredienti:
500 gr di farina 1, 1,5 gr di lievito di birra disidratato, 325-350 gr di acqua, 1 cucchiaino di zucchero, 15 gr di olio EVO, sale, 2 pere mature, 1 radicchio di Treviso precoce, 150 gr di gorgonzola, 50 gr di latte, noci.

Procedimento:
Sciogliere il lievito di birra nell'acqua, aggiungendo un cucchiaino di zucchero. Unire la farina e lavorare il tutto. Aggiungere l'olio e il sale. Mettere l'impasto in una ciotola e lasciarlo lievitare in frigo per 24 ore.  

Rivestire una teglia con carta forno, ungere leggermente la carta e disporre a raggiera le pere, tagliate a fette, alternate con foglie di radicchio. 





Stendere l'impasto lievitato, adagiarlo sulle pere e il radicchio premendo leggermente con i polpastrelli per far uscire l'aria.


Infornare per 25 minuti a 200° ("passando dalla base, per finire la cottura a metà forno"). 
Sfornare la pizza, girarla sotto sopra


Tagliarla in 4 spicchi e cospargerli con una fonduta leggera di gorgonzola, che avrete preparato facendo fondere per 5 minuti il gorgonzola con il latte. Aggiungere qualche noce e un po' di insalatina di radicchio.