mercoledì 25 aprile 2012

PIZZA

Possiamo dire che la pizza sia uno dei cibi più conosciuti...
Una farina adatta, una giusta lievitazione e una perfetta cottura sono i segreti per una buona pizza. Per la farcitura, invece, ci possiamo affidare alla nostra fantasia.

La mia "tonno e cipolla"



Per una teglia 35X40

La ricetta
230 gr. di acqua, farina "0" q.b. (gr. 450 circa ma dipende da farina a farina), 1 gr. lievito secco (o 3 gr. di fresco), 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva, sale.

L'impasto
L'impasto può essere fatto a mano ma è meglio se disponete di un'impastatrice o di una macchina da pane.

Versare nell'impastatrice l'acqua, il lievito, lo zucchero e mescolare. Cominciare ad impastare aggiungendo parte della farina, l'olio e, quando l'impasto avrà una certa consistenza, il sale. La pasta sarà pronta quando la vasca della macchina rimane pulita o comunque quando toccandola risulterà morbida ma non appicicosa.

Lievitazione
Coprite la ciotola con della "pellicola" e fate lievitare in luogo caldo per circa 2 ore, se come me usate una farina a breve lievitazione.

Se usate la macchina da pane potete usare il programma "pasta lievitata", che impasta e lievita, e alla fine del programma avrete la pasta già pronta.

Preparazione
Stendete la pasta nella teglia che avrete precedentemente rivestito di carta forno. A questo punto,  se volete una pizza alta tipo "pizza al taglio" fate nuovamente lievitare per circa 1 ora. Se invece volete una pizza sottile e croccante, farcite e immediatamente dopo infornate.
Spalmate la salsa di pomodoro, date un giro di olio e salate.



Ora potete farcire come vi piace. Se volete una margherita distribuite in modo uniforme il formaggio a cubetti ed infine spolverate di origano.


Per quanto riguarda il formaggio preferisco la caciotta alla mozzarella.



Cottura in forno elettrico
Preriscaldate il forno a 290° e al momento di infornare portate la temperatura a 280°. Fate cuocere per 15 minuti.

Questo stesso impasto può essere utilizzato per la cottura nel forno a legna oppure nel fornetto Ferrari con pietra refrattaria, ma di questo vi racconterò in un prossimo post.......




2 commenti:

  1. se può esserti di aiuto, prova col lievito madre e senza zucchero..viene molto più digeribile..e lievita persino meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente la pizza fatta con il lievito madre è molto più digeribile, io la alterno a questa. Richiede però tempi più lunghi di lievitazione.

      Elimina