mercoledì 20 agosto 2014

PIADINA



La piadina è una ricetta tipica Romagnola, conosciuta in tutto il mondo e apprezzatissima. Ricordo ancora la prima piadina gustata in Romagna, avrò avuto 9-10 anni, acquistata nel tipico chioschetto lungo la strada: sarà stata la situazione, sarà stata la novità, sarà che era super farcita ma era semplicemente fantastica. Negli anni ho provato a rifarla in casa. Per la farcitura non ci sono stati problemi infatti la scelta è infinita: mozzarella-pomodoro-prosciutto, rucola-stracchino, stracchino-salumi….. Per la sfoglia la cosa è stata più complicata: troppo cotta, troppo cruda, troppo asciutta, troppo…. Ogni ricetta tipica di una zona ha dei “segreti” che vengono tramandati di generazione in generazione e che difficilmente vengono svelati. Grazie ad alcune amiche romagnole, qualcosa mi è arrivato e alla fine, con grande soddisfazione, sono riuscita ad ottenere una piadina degna di tale nome…..

Ingredienti per 2 piadine:
300 gr di farina 00, 30 gr di strutto, 125 ml di acqua + latte (il latte in quantità inferiore rispetto all’acqua), ½ cucchiaino di lievito, sale grosso pestato.

Procedimento:
Sciogliere il sale nel liquido. In una ciotola versare la farina, il lievito, lo strutto e il liquido con il sale. Impastare il tutto fino ad ottenere un impasto consistente ma lavorabile. Dividere l’impasto in 3 palle e lasciar riposare per circa mezz’ora, coprendo con un telo.
Stendere l’impasto con il matterello formando dischi sottili (4-5 mm). Far scaldare il testo o una padella antiaderente e cuocere le piadine a fuoco vivace (circa 2 minuti per parte), Durante la cottura punzecchiare con una forchetta e se si formeranno bolle schiacciarle con i rebbi della forchetta.
Far raffreddare le piadine in piedi, appoggiandole a qualcosa. Se si utilizzano piegate inciderle al centro, quando sono ancora calde, e metterle a raffreddare a “mo’ di tetto di una casa”.
Una volta fredde coprirle con un panno. Utilizzare preferibilmente appena fredde farcendo con ciò che più vi piace.

Nessun commento:

Posta un commento